LUCE ARTIFICIALE: I RISCHI PER LA SALUTE

Amo la luce, molto meno le pareti. Per questa ragione, quando ho cambiato casa qualche anno fa, ho optato per grandi vetrate e un open space. La luce naturale fa bene al mio umore e mi regala energia. Tale predilezione benchè non avessi ancora letto gli studi di cui sto per parlarvi.

Nonostante la grande enfasi data all’importanza di fare esercizio fisico, nutrirsi in modo sano, dormire il corretto numero di ore e via dicendo, poco si dice delle malattie da lampadina.

Le ricerche[1] mostrano che gli animali esposti alla luce artificiale sono preda di una serie di problemi

tra cui cancro, malattie cardiovascolari, diabete e obesità”,

ha affermato Mariana Figueiro, direttrice del Centro di ricerca del Rensselaer Polytechnic Institute (RPI).

Gli animali non sono i soli: i turnisti, dalle guardie di sicurezza ai chirurghi, registrano un aumento del rischio di cancro e malattie cardiache. Raccogliendo grandi quantità di dati e collegandoli a dove vivono le persone, cosa fanno e chi sono, i ricercatori hanno scoperto che una delle cause è rappresentata dalle luci utilizzate nei luoghi di lavoro. Le luci interrompono l’orologio biologico, o ritmo circadiano, causando problemi alla salute.

Nello specifico, è emerso che stiamo sperimentando troppa luce del tipo sbagliato nel momento sbagliato della giornata.

Nel 2002, la comprensione della funzione dell’occhio è cambiata radicalmente. David Berson ha scoperto che c’è uno speciale rilevatore di luce, un fotorecettore unico, nell’occhio (retina) il cui compito è informare il corpo se è giorno o notte[2].

Quando questo sensore rileva la luce, essendo più sensibile alla luce blu cielo, un messaggio a cascata dall’occhio, al cervello, al resto del corpo fa sapere che è giorno. Nello specifico, quel messaggio scorre lungo il nervo ottico nella parte posteriore fino alla zona dell’ipotalamo chiamata nucleo soprachiasmatico (SCN). L’SCN telegrafa un messaggio a una piccola parte del cervello delle dimensioni di un pisello, la ghiandola pineale, per fermare la secrezione di melatonina, sostanza chimica che avverte il corpo che è notte.

La melatonina è una molecola secreta esclusivamente di notte che comunica alle cellule del corpo che è sera.

Il corpo ha bisogno di un tale segnale perché essenzialmente gli esseri umani sono due organismi diversi: uno diurno e uno notturno. Lo stato in cui ci troviamo è attivato dalle luci, con la melatonina che segnala la modalità. Durante il giorno, temperatura, metabolismo e ormone della crescita nel corpo aumentano. La sera diminuiscono. Con le luci artificiali, tuttavia, i nostri corpi non entrano in questa modalità di riposo necessaria. Gli affetti sono già percepibili:

L’uomo moderno è più alto dei suoi antenati” ha detto Thomas Wehr, scienziato al National Institute of Mental Health. “È in parte correlato alla nutrizione e ad altri fattori, ma anche alla luce artificiale“.

Prima, la fisiologia umana era collegata alle stagioni. I corpi monitoravano il periodo dell’anno seguendo la lunghezza variabile della quantità di luce diurna: durante le giornate estive più lunghe, producevamo meno melatonina rispetto all’inverno, e con meno melatonina c’era più ormone della crescita. Oggi, tuttavia, le luci artificiali quasi accecano i nostri corpi senza grandi distinzioni stagionali.

Stare sotto le luci elettriche in una sorta di modalità estiva perpetua con quasi il doppio dell’ormone della crescita nei nostri sistemi rispetto a una sera d’inverno, espone le cellule a una sovra stimolazione.

Se sei continuamente bombardato dagli ormoni della crescita, c’è il rischio di cancro“, ha detto Wehr.

Il premio Nobel Aziz Sancar[2] ha scoperto che

il sistema circadiano influenza i processi che sappiamo essere coinvolti nelle cause del cancro“, ha affermato Richard Stevens, epidemiologo del cancro – Università del Connecticut.  Esiste una “connessione con il modo in cui le cellule riparano il danno del DNA“.

I dettagli di ciò che sta accadendo sono incompleti, ma questo lavoro sottolinea che i nostri corpi hanno una modalità di crescita e una di riparazione, e abbiamo bisogno della guarigione che arriva con l’oscurità.

La luce artificiale è inoltre un fattore spesso trascurato per quanto concerne il cancro al seno[3].

Le donne cieche sono a minor rischio di cancro al seno“, ha detto Stevens. “La loro fisiologia non è influenzata dalle luci”.

Ma è necessario molto più lavoro per capire come il bagliore delle luci artificiali colpisce le donne.

I poeti dicono che l’occhio è la finestra dell’anima, gli scienziati che l’occhio è un orologio, o meglio, il pulsante di reset di un orologio[4] e quando vede la luce al mattino, in particolare la luce blu cielo, si sincronizza con l’orologio biologico intrinseco di cui dispone naturalmente.

Il modo migliore per informare il corpo che è giorno è sintonizzare appositamente una parte dell’occhio su questo colore, proprio come si farebbe con una stazione radio specifica. L’azzurro del cielo è un segnale unico per dire al corpo che è ora di cambiare. Sfortunatamente, le luci artificiali non emulano completamente la luce del sole, poichè contengono solo una parte dello spettro; le lampadine a incandescenza sono più rosse, le fluorescenti compatte più blu. Quindi, come possiamo vivere bene sotto il bagliore delle luci artificiali e correggere la rotta tracciata da Edison? La prescrizione è semplice.

Secondo l’epidemiologo Richard Stevens, abbiamo bisogno di “sere buie e mattine luminose“. La giornata deve iniziare con la luce blu brillante che reimposta l’orologio biologico al mattino. “Fare una passeggiata è la cosa migliore, ha detto Stevens. Per coloro che sono al chiuso, anche le luci a LED e le lampadine fluorescenti compatte luminose sono piuttosto forti nella gamma di luce blu. Avere molta luce blu durante il giorno è positivo. Ma il tipo di luce deve cambiare con l’avanzare della giornata. Abbiamo bisogno di una luce più rossa la sera. Ciò include la riduzione della luce blu dai monitor dei nostri computer, schermi televisivi e cellulari.

Per migliorare la salute, si ha bisogno del giusto tipo di luce al momento giusto della giornata. Questa è una certezza medica.

La luce è il motore del tuo orologio biologico“, ha detto Figueiro. “Guida tutto nel tuo corpo“.

Per questo non dobbiamo guardare alle lampadine come oggetti innocui che brillano sullo sfondo, ma come motori primi della salute umana.

Fonti

[1] https://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.825.7232&rep=rep1&type=pdf

[2] Figueiro MG., Disruption of Circadian Rhythms by Light During Day and Night. Curr Sleep Med Rep. 2017 Jun;3(2):76-84. PMID: 28845384; PMCID: PMC5568574.

[3] Sancar A, Lindsey-Boltz LA, Gaddameedhi S, et al., Circadian clock, cancer, and chemotherapy. Biochemistry. 2015;54(2):110-123.

[4] Flynn-Evans EE, Stevens RG, Tabandeh H, Schernhammer ES, Lockley SW.,  Total visual blindness is protective against breast cancer. Cancer Causes Control. 2009 Nov;20(9):1753-6.

[5] https://www.sciencemag.org/news/2010/05/vision-cells-help-set-bodys-clock

[6] Ramirez A., The alchemy of us: how humans and matter transformed one, The MIT Press

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *