5 REGOLE per EVITARE DECISIONI SBAGLIATE ( a volte il successo consiste solo nel non fallire)

 

Una parte del mio lavoro consiste nell’aiutare le persone a prendere decisioni migliori.

Talvolta, per quanto non ci piaccia ammetterlo, il successo sta nell’evitare di prendere decisioni sbagliate.

Ecco cinque motivi per cui prendiamo decisioni sbagliate.

 

  1. Siamo involontariamente stupidi

Ci piace pensare di poter elaborare razionalmente le informazioni come computer, ma non siamo in grado di farlo. Almeno non nel lungo periodo e non in presenza di grandi quantità di dati. I bias cognitivi spiegano perché abbiamo preso una decisione sbagliata, ma raramente ci aiutano a evitarli o prevenirli.

Sull’immediato è più utile concentrarsi su alcuni segnali che ci stanno avvertendo che stiamo per fare, involontariamente, qualcosa di stupido:

  • Sei stanco, di fretta, distratto o emotivamente coinvolto.
  • Stai decidendo in gruppo o stai seguendo le indicazioni di una figura eccessivamente autoritaria.

La regola: non prendere mai decisioni importanti quando sei stanco, emotivo, distratto o di fretta.

 

  1. Risolviamo il problema sbagliato

Chi butta sul lavoro un problema, raramente ha chiaro il problema. Eppure il modo in cui lo pone può condizionare la capacità di problem solving del gruppo, senza contare che sovente dimentica di chiedere se si sta risolvendo il problema giusto.

Segnali di avvertimento che si sta risolvendo il problema sbagliato:

  • Hai lasciato che qualcun altro definisse il problema per te.
  • Sei lontano dal problema.
  • Stai pensando al problema senza considerare il contesto

La regola: non permettere mai a nessuno di definire il problema per te.

 

  1. Usiamo informazioni errate o insufficienti

Ci piace credere che le persone dicano la verità. Ci piace credere che le persone con cui parliamo capiscano di cosa stanno parlando. Ci piace credere di avere le informazioni utili per contestualizzare e gestire il problema.

Segnali di avvertimento che hai informazioni errate o insufficienti:

  • Stai parlando con qualcuno che ha parlato con qualcuno che ha parlato con qualcuno…

La regola: cerca informazioni da qualcuno il più vicino possibile alla fonte. Quando le informazioni vengono filtrate (e spesso accade), prima si considerano gli incentivi e solo dopo si pensa alla correttezza delle informazioni acquisite.

 

  1. Non impariamo

Hai presente il collega con vent’anni di esperienza che continua a ripetere sempre gli stessi errori? Non ha vent’anni di esperienza, ha un anno di esperienza ripetuto venti volte. Se non puoi imparare, non puoi migliorare.

La maggior parte di noi può osservare e reagire di conseguenza. Ma per imparare dall’esperienza, dobbiamo riflettere sulle nostre reazioni. La riflessione deve essere parte del tuo processo, non qualcosa che potresti fare se hai tempo.  In breve, non possiamo imparare dall’esperienza senza riflettere. Solo la riflessione ci permette di distillare l’esperienza in qualcosa da cui possiamo imparare per prendere decisioni migliori in futuro.

Segnali di avvertimento che non stai imparando:

  • Sei troppo occupato per riflettere.
  • Non tieni traccia delle tue decisioni.
  • Non puoi calibrare il tuo processo decisionale.

La regola: essere meno occupati. Tieni un diario di apprendimento. Rifletti ogni giorno.

 

  1. Ci concentriamo poco sui risultati

Siamo portati a fare ciò che è facile rispetto a ciò che è giusto. Dopotutto, è più facile dire di essere virtuosi che esserlo.

Segnali di avvertimento:

  • Stai pensando a come difenderai la tua decisione.
  • Stai scegliendo consapevolmente ciò che è difendibile rispetto a ciò che è giusto.
  • Prenderesti una decisione diversa se fossi il proprietario dell’azienda.
  • Ti sorprendi a dire che questo è ciò che il tuo capo vorrebbe.

La regola: agisci come vorresti che un dipendente agisse se fossi il proprietario dell’azienda.

 

Evitare decisioni sbagliate è importante quanto prenderne di buone. Conoscere i segnali di pericolo e avere una serie di regole limita la quantità di fortuna di cui hai bisogno per ottenere buoni risultati.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *